Nonostante i vantaggi che l’economia del paese trae dal turismo e dalla crescita del settore agricolo (primo produttore al mondo di vaniglia) la distribuzione della ricchezza è fortemente sproporzionata: l’80% della popolazione vive con meno di 2 dollari al giorno.

Questa povertà diffusa, unita ad un quadro politico incerto, causa una situazione umanitaria allarmante. Più della metà dei bambini sotto i 5 anni in Madagascar soffre di malnutrizione cronica. 

I cambiamenti climatici che il paese ha subito negli ultimi 30 anni (cicloni, inondazioni, periodi di grave siccità, terremoti ed epidemie) hanno reso ancora più vulnerabile la quarta isola più grande del mondo.